FANDOM


L'Operazione "Maghrebian Wind" (conosciuta anche come "Guerra d'Algeria") è un'operazione militare condotta tra l'Estate e l'Autunno del 2017, da una coalizione internazionale di 19 paesi (costituita da unità e reparti militari di Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Italia, Spagna, Belgio, Danimarca, Olanda, Portogallo, Grecia, Canada, Polonia, Romania, Giordania, Norvegia, Svezia ed Emirati Arabi Uniti, Marocco e Tunisia), guidata dalla NATO, e sotto l'egida dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, allo scopo di assicurare la protezione della popolazione civile algerina di etnia berbera, e l'integrità territoriale del Marocco e della Tunisia (le quali hanno parzialmente partecipato al conflitto con proprie unità militari), a seguito del colpo di stato ordito e perpetrato, alla fine di Novembre del 2016, in Algeria, da frange estremiste delle Forze Armate, decise a deporre il nuovo presidente ed il nuovo esecutivo scaturiti dalle elezioni anticipate del Settembre del 2016. Tale colpo di stato provocherà l'insorgere della "Seconda Guerra Civile Algerina".

Le tensioni politiche in Algeria, e il colpo di stato del 13 Dicembre 2016Modifica

17 - 21 Febbraio 2016

L'inizio degli eventi che porteranno alla scoppio della Seconda Guerra Civile Algerina, e al conseguente intervento internazionale mirato a porvi fine, e a garantire l'instaurazione di un governo unitario nazionale legittimo e riconosciuto a livello internazionale nel paese nordafricano, potrebbe erroneamente apparire come scollegato dagli eventi politici e bellici che caratterizzeranno i prodromi e lo svolgimento dell'Operazione Maghrebian Wind. Ma non è così. I due elementi cardine che fungeranno da "miccia" per la gigantesca polveriera algerina, sono infatti essenzialmente due: uno di carattere politico-socio-culturale, e l'altro di natura economica. Quello di natura politico-socio-culturale è rappresentato dallo scoppio di una fortissima ondata di manifestazioni di piazza nelle province a maggioranza berbera. Lo scopo di tali manifestazioni è quello di promuovere una più ampia difesa della lingua e delle tradizioni culturali berbere, minacciate da una politica di costante "arabizzazione" della società algerina, da parte del regime politico instauratosi dopo l'indipendenza dalla Francia conseguita nel 1962. Oltre che per le motivazioni etnico-culturali, una parte trasversale dell'opinione pubblica algerina inizia ad appoggiare tali manifestazioni di piazza per far sentire la propria voce contro la difficile situazione economica del paese, la cui economia è entrata, durante il corso dell'anno solare, in una fase recessiva, che ha fatto aumentare in maniera preoccupante le percentuali di disoccupazione, e di calo del prodotto interno lordo. Le proteste si diffondono rapidamente nelle città a maggioranza etnica berbera, soprattutto nelle province della costa mediterranea e in alcuni grandi centri abitati quali le città di Setif, Batna, Constantina e Annaba. Svariate decine di migliaia di persone (oltre 180.000 secondo le stime degli osservatori dell'ONU) scendono in piazza per molti giorni, all'inizio di Giugno del 2016 al fine di chiedere la promulgazione di emendamenti costituzionali che preservino la cultura e la lingua berbera, e contestualmente, garantiscano alle province a maggioranza etnica berbera una più ampia autonomia amministrativa. Le proteste assumono ben presto carattere violento, e sfociano in aperti scontri tra manifestanti e forze dell'ordine che portano ad un triste bilancio di ben 4 morti e 76 feriti.

4 Marzo 2016

Nuove imponenti manifestazioni di piazza si svolgono ad Algeri davanti alle sedi del Ministero dell'Interno e dell'Assemblea Popolare Nazionale. Questa volta il numero dei partecipanti è nettamente più elevato di quello delle dimostrazioni dei giorni precedenti: oltre 400.000 persone.

5 - 7 Marzo 2016

Si verificano nuovi e violentissimi scontri tra i dimostranti e le forze dell'ordine, decise a reprimere qualunque tipo di manifestazione di dissenso, ancorché pacifica. Questa volta il bilancio delle vittime è ben più grave e consistente di quello delle manifestazioni di Febbraio. Secondo i rapporti dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani in soli due giorni si contano 103 morti e ben 2228 feriti. I manifestanti tuttavia sono decisi a non cedere e a non ritirarsi dalle piazza della capitale presidiate fino all'ottenimento di un cambio di governo, o quantomeno alla promessa di nuove elezioni legislative entro pochi mesi.

8 Marzo 2016

La notizia delle violente repressioni perpetrate ad Algeri ai danni della popolazione civile si diffonde rapidamente nel paese, provocando come conseguenza lo scoppio di una serie di nuove e affollate dimostrazioni in alcune delle principali città del paese, soprattutto di quelle delle provincie a maggioranza etnica berbera.

Le reazioni politiche internazionali al colpo di statoModifica

14 Dicembre 2016

La notizia del colpo di stato coglie sostanzialmente di sorpresa le principali cancellerie internazionali, che da tempo avevano oramai giudicato, probabilmente in maniera eccessivamente prematura, la situazione politica algerina come pacificata e sostanzialmente stabile.

La sanguinosa repressione delle manifestazioni a favore del governo legittimo e della minoranza BerberaModifica

La minoranza Berbera insorge. Scoppia la guerra civile in AlgeriaModifica

Gli scontri di confine con la Tunisia e il Marocco. Modifica

Le ripercussioni umanitarie ed economiche della guerra civile algerinaModifica

Dal G7 di Taormina al vertice di Tenerife. La formazione della coalizione internazionaleModifica

L'ONU approva una risoluzione di condanna e autorizza l'uso della forza in caso di mancato ritorno allo "status quo ante". Modifica

Vengono istituite una "no fly zone" e una "zona d'interdizione marittima" Modifica

La protezione del confine marocchino e del confine tunisino. Vengono istituite le missioni "Protection Border" e "Frontier Defense" Modifica

L'attacco della coalizione internazionale. Le principali fasi politiche e militari del conflittoModifica

19 Agosto 2017:Modifica

  • L'attacco della coalizione internazionale inizia ufficialmente alle ore 14.36 del 19 Agosto 2017, quando una coppia di cacciabombardieri francesi Rafale partiti dalla base aera di Solenzara apre il fuoco contro 3 carri armati T-72 dell'esercito Algerino, distruggendoli. 
    Rafale Air Refueling

    Un cacciabombardiere francese "Rafale" si rifornisce in volo prima di eseguire la sua prima missione bellica sui cieli dell'Algeria nell'ambito dell'operazione "Maghrebian Wind".

  • Dalle navi da guerra Statunitensi (gli incrociatori Princeton e Port Royal, le cacciatorpediniere Russell, Hopper, Ross ed Hamilton, e i sottomarini Providence, Wyoming, Donald Cook e Scranton), e dal sottomarino d'attacco britannico Artful, parte un intenso bombardamento effettuato con missili di tipo "Cruise" BGM-109 Tomahawk,  diretto a postazioni contraeree, installazioni radar e di difesa aerea, siti di comando e controllo e depositi di munizioni dell'esercito algerino, soprattutto nell'area della capitale Algeri. L'attacco missilistico dura circa 7 ore, e viene definito "propedeutico" dalle autorità militari della NATO, al fine di indebolire le difese delle forze armate nemiche, favorendo le incursioni aeree degli aerei alleati. Alla fine del bombardamento navale, risultano essere complessivamente 94 i missili da crociera utilizzati per l'attacco. 
    Tornado ECR

    Un Tornado ECR dell'Aeronautica Militare Italiana decolla dalla base aerea di Trapani Birgi.

  • Parte la prima missione dei cacciabombardieri Italiani. Tre Tornado ECR decollati dalla base aerea di Trapani-Birgi, compiono una missione di "soppressione delle difese aeree nemiche", bombardando e distruggendo tramite missili AGM-88 HARM, 3 batterie antiaeree 9K35 Strela-10 dell'esercito algerino, poco al di fuori della città di Constantina. 
Canadianjet.jpeg.size.xxlarge.letterbox

Un cacciabombardiere F-18 Hornet Canadese in fase di decollo dalla base aerea di Trapani - Birgi.

  • Quattro cacciabombardieri F-18 spagnoli compiono la loro prima missione bombardando tre depositi di carburante e munizioni dell'esercito algerino nella città di Oran.
  • Otto Tornado GR4 britannici bombardano e distruggono una colonna di dieci carri armati T90SA dell'esercito algerino a pochi chilometri dalla città di Setif.
  • Cinque cacciabombardieri CF-18 canadesi attaccano e distruggono quattordici obici semoventi 2S1 Gvozdika dell'esercito algerino.
  • Si registra il primo combattimento aereo del conflitto. Una squadriglia di 8 F-15 Eagle statunitensi intercetta e abbatte 6 caccia Mig-29 Fulcrum dell'Aeronautica Militare Algerina, alzatisi in volo dalla base aerea di Aïn Oussera nel tentativo di contrastare l'attacco aereo della coalizione internazionale.

20 Agosto 2017 Modifica

A British Eurofighter Typhoon take off during Operation Maghrebian Wind

Un caccia Eurofighter britannico decolla per la sua prima missione durante l'operazione Maghrebian Wind

  • Prima missione di attacco per gli Eurofighter britannici, che bombardano la sede del ministero della difesa algerino e tre depositi di munizioni della marina militare algerina.
  • Una coppia di F-16 statunitensi abbatte altrettanti velivoli algerini Mig-25 poco al di fuori della città di Sidi Bel.
    F-15 - Aviano

    Un F-15 Strike Eagle statunitense, si prepara a decollare dalla base aerea di Aviano (Italia).

  • Massiccio attacco da parte di una squadriglia di 8 cacciabombardieri F-15 Strike Eagle statunitensi, che bombardano pesantemente l'aeroporto militare di Boufarik, distruggendo 6 cacciabombardieri Su-24, 3 elicotteri d'attacco Mi-24 e due elicotteri d'attacco Mi-28.
  • Nuova missione per i Tornado ECR italiani che distruggono due batterie di missili antiaerei S-300PMU2 e due blindati semoventi antiaerei ZSU-23-4 Shilka dell'esercito algerino.
  • Una squadriglia mista di cacciabombardieri francesi (8 Rafale e 10 Mirage 2000-D) decollati dalla base aerea di Solenzara conducono un massiccio attacco contro una colonna di blindati dell'esercito algerino tra Setif e Batna. Vengono distrutti ben 12 carri armati T-90MS, 23 carri armati T-72, e 4 veicoli da combattimento della fanteria BMP-2.
  • Cinque cacciabombardieri CF-18 Hornet canadesi attaccano e distruggono una colonna blindata dell'esercito algerino composta da 4 carri armati T55 e 4 veicoli da trasporto truppe BTR-60.
  • Prima missione per i cacciabombardieri danesi che attaccano e distruggono 6 veicoli corazzati da combattimento BMP-2.

22 Agosto 2017Modifica

  • 2 cacciabombardieri italiani AMX bombardano un deposito di munizioni dell'aeronautica militare algerina presso la base aerea di Bou Sfer.
    2 Spanish EF-18 Hornet during Operation Maghrebian Wind

    2 F-18 Spagnoli decollano per una missione dalla base aerea di Murcia

  • 4 cacciabombardieri francesi Mirage 2000 D bombardano la sede del ministero della difesa algerino, e 2 depositi di supporto e rifornimento logistico ad Algeri.
  • Alcune unità della Marina Militare Algerina (nella fattispecie due fregate classe C28A salpate dalla base navale di Mers-el-Kèbir), finora rimasta inattiva nel conflitto, escono per la prima volta in pattugliamento ai confini della zona di interdizione marittima.
  • Two Danish F-16 taking off from Sigonella Air Base

    2 cacciabombardieri F-16 Danesi decollano per una missione dalla base aerea di Sigonella.

23 Agosto 2017Modifica

  • In risposta alle manovre effettuate il giorno precedente, la NATO intima alla Marina Militare Algerina di non varcare in alcun modo la zona di interdizione marittima e di non intraprendere alcuna azione offensiva contro le forze della coalizione o dei ribelli, o in caso contrario le sue unità verranno attaccate.
  • 4 Cacciabombardieri Spagnoli EF-18 Hornet attaccano una colonna di 7 veicoli da combattimento BMP-1 distruggendoli.
    The Italian Aircraft Carrier Cavour and the French Aircraft Carrier Charles De Gaulle during Operation Maghrebian Wind

    La portaerei italiana Cavour e la portaerei francese Charles De Gaulle durante l'Operazione Maghrebian Wind

  • Nonostante gli avvertimenti della NATO, altre tre unità della Marina Militare Algerina si avvicinano al limite della zona di interdizione martittima (nello specifico una fregata lanciamissili classe Meko A-200 scortata da 2 corvette lanciamissili di classe Stereguschiy). L'intensificazione delle manovre navali algerine spinge l'alleanza atlantica a ritenere imminente un attacco navale alle proprie unità e innalza al massimo il livello di allerta della flotta, facendo contestualmente avvicinare le più moderne e armate unità antinave al confine della zona d'interdizione in funzione deterrente. Le navi algerine tuttavia, come accaduto anche il giorno prima, all'appropinquarsi della navi della Flotta ONU invertono la rotta e tornano nel porto militare di Mers El Kèbir.

24 Agosto 2017Modifica

  • L'ammiraglio Antonio Natale, il comandante delle operazioni navali della Flotta ONU afferma in un'intervista che le unità facenti parte del blocco navale sono assolutamente preparate a difendersi e a mantenere l'integrità della zona d'interdizione da eventuale incursioni ostili da parte delle navi da guerra algerine.
  • RAF End Combat Operations Middle East After qcRb obunOtl

    Un gruppo di Tornado GR.4 della RAF effettua operazioni di rifornimento in volo prima di una missione.

27 Agosto 2017Modifica

30 Agosto 2017Modifica

  • Aircraft Carrier Cavour and Multipurpose Spanish Ship Juan Carlos I during Operation Maghrebian Wind

    La portaerei spagnola Juan Carlos I, in navigazione con la portaerei italiana Cavour, la fregata italiana Bergamini, e la nave rifornitrice di squadra italiana Etna durante l'operazione Maghrebian Wind.

2 Settembre 2017Modifica

AMX Trapani Air Base

Due cacciabombardieri AMX dell'Aeronautica Militare Italiana decollano dalla base aerea di Trapani-Birgi

6 Settembre 2017Modifica

9 Settembre 2017Modifica

14 Settembre 2017Modifica

22 Settembre 2017Modifica

25 Settembre 2017Modifica

28 Settembre 2017Modifica

5 Ottobre 2017Modifica

7 Ottobre 2017:Modifica

11 Ottobre 2017Modifica

14 Ottobre 2017Modifica

23 Ottobre 2017Modifica

28 Ottobre 2017Modifica

31 Ottobre 2017Modifica

1 Novembre 2017: La "Pace di Ognissanti"Modifica

Le conseguenze politiche e militari del conflittoModifica

Le Forze Militari in campoModifica

Al momento dell'inizio delle ostilità la coalizione internazionale poteva contare sull'apporto di oltre 550 velivoli da combattimento (compresi 8 droni senza pilota "Reaper" statunitensi), e su una flotta navale di oltre 60 unità da guerra (più 4 sottomarini d'attacco), a supporto di quasi 17.000 uomini delle forze da sbarco presenti sulle unità portaeromobili e anfibie schierate per il conflitto bellico, ai quali vanno aggiunti un reggimento corazzato dell'esercito marocchino da 6.500 uomini, e 2.700 uomini divisi in 4 battaglioni meccanizzati dell'esercito tunisino per un totale complessivo di truppe terrestri ammontante a quasi 26.000 uomini.   

L'operazione "Maghrebian Wind" ha rappresentato la più grande operazione militare a guida NATO dai tempi della Guerra del Kosovo (Operazione "Allied Force") del 1999. Netta dunque, se non addirittura schiacciante, la superiorità della coalizione ONU nei confronti dello schieramento militare algerino, il quale poteva contare su 147 aerei da combattimento e su 29 unità navali di prima linea.  

Flag of the United Nations.svgCOALIZIONE ONU:Modifica

Flag of NATOFlotta Navale NATO:

  • Flag of Belgium Belgio
    • Fregata lanciamissili Leopold I (classe Karel Doorman)
    • Nave cacciamine BNS Narcis, (classe Tripartite)
  • Flag of Canada Canada 
    • Fregata lanciamissili HMCS Montreal (classe Halifax)
  • Flag of France Francia  
    • Portaerei Charles de Gaulle con a bordo:
      • 18 cacciabombardieri Rafale M
      • 2  aerei AWACS E-2C
      • 8 elicotteri multiruolo Dauphin
    • Portaelicotteri anfibia d'assalto Mistral (classe Mistral) con a bordo:
      • 14 elicotteri multiruolo Aérospatiale Gazelle
      • 6 elicotteri d'attacco Eurocopter Tiger
      • 2 elicotteri da trasporto Eurocopter EC 225 Super Puma
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 900 soldati equipaggiati con 13 carri armati Amx-56 Leclerc, 33 autoblindo AMX-10RC e 13 veicoli corazzati da combattimento VCBI
    • Portaelicotteri anfibia d'assalto Dixmude (classe Mistral) con a bordo:
      • 14 elicotteri multiruolo Aérospatiale Gazelle
      • 6 elicotteri d'attacco Eurocopter Tiger
      • 2 elicotteri da trasporto Eurocopter EC 225 Super Puma
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 900 soldati equipaggiati con 13 carri armati Amx-56 Leclerc, 23 autoblindo ERC-90 Sagaie e 23 veicoli corazzati da combattimento VCBI
    • Portaelicotteri anfibia d'assalto Tonnerre (classe Mistral)on a bordo:
      • 14 elicotteri multiruolo Aérospatiale Gazelle
      • 6 elicotteri d'attacco Eurocopter Tiger
      • 2 elicotteri da trasporto Eurocopter EC 225 Super Puma
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 900 soldati equipaggiati con 13 carri armati Amx-56 Leclerc, 20 autoblindo AMX-10RC e 26 autoblindo ERC-90 Sagaie
    • Cacciatorpediniere lanciamissili Forbin  (classe Orizzonte)
    • Cacciatorpediniere lanciamissili Jean Bart (classe Cassard)
    • Fregata lanciamissili Aquitaine (classe Fremm)
    • Fregata lanciamissili Aconit (classe La Fayette)
    • Fregata lanciamissili Courbet (classe La Fayette)
    • Fregata lanciamissili La Motte - Piquet (classe Leygues)
    • Fregata lanciamissili Primauguet (classe Leygues)
    • Nave rifornitrice Meuse (classe Durance)
  • Flag of Greece Grecia
    • Fregata lanciamissili Adrias (classe Elli)
    • Nave rifornitrice Prometheus (classe Etna)
  • Flag of Italy Italia  
    • Portaerei Cavour con una componente di volo composta da:
      • 10 cacciabombardieri V/STOL AV-8B Harrier II 
      • 4 elicotteri AW-101 Merlin
      • 4 elicotteri d'attacco AW-129 Mangusta
      • 1 battaglione da sbarco composto da 416 soldati equipaggiati con 24 carri armati Ariete
    • Portaelicotteri anfibia San Giusto (classe San Giorgio) con a bordo:
      • 3 elicotteri multiruolo AW 101 Merlin
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 330 soldati equipaggiati con 34 veicoli corazzati VCC-80 Dardo
    • Portaelicotteri anfibia San Marco (classe San Giorgio) con a bordo:
      • 2 elicotteri medi NH-90
      • 2 elicotteri multiruolo AW-101 Merlin
      • 1 battaglione da sbarco composto da 350 soldati equipaggiati con 18 veicoli anfibi d'assalto AAV-7 e 18 veicoli corazzati VVC-2 Camillino
    • Portaelicotteri anfibia San Giorgio (classe San Giorgio) con a bordo:
      • 2 elicotteri medi NH-90
      • 2 elicotteri multiruolo AW-101 Merlin
      • 1 battaglione da sbarco composto da 350 soldati equipaggiati con 36 veicoli corazzati VCC-80 Dardo
    • Cacciatorpediniere lanciamissili Caio Duilio (Classe Orizzonte)
    • Fregata lanciamissili Carlo Bergamini (classe Fremm)
    • Nave rifornitrice Etna (classe Etna)
  • Flag of the Netherlands Olanda 
    • Fregata lanciamissili HNLMS De Ruyter (classe De Zeven)
    • Nave d'assalto anfibio HNLMS Johan De Witt (classe Rotterdam) con a bordo:
      • 6 elicotteri medi NH-90
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 611 soldati equipaggiati con 6 carri armati Leopard 2A7 e 26 veicoli corazzati da combattimento CV9035NL
    • Nave d'assalto anfibio HNLMS Rotterdam (classe Rotterdam) con a bordo:
      • 6 elicotteri medi NH-90
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 555 soldati equipaggiati con 6 carri armati Leopard 2A7 e 26 veicoli corazzati da combattimento CV9035NL
  • Flag of Portugal Portogallo
    • Fregata lanciamissili Corte Real (classe Vasco Da Gama)
  • Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito
    • Nave da sbarco anfibio HMS Bullwark (classe Albion) con a bordo:
      • 1 Battaglione da sbarco dei "Royal Marines" composto da 710 soldati equipaggiati con 6 carri armati Challenger 2 e 30 veicoli corazzati terrestri BvS 10 Viking
    • Nave da sbarco anfibio HMS Albion (classe Albion) con a bordo:
      • 1 Battaglione da sbarco dei "Royal Marines" composto da 710 soldati equipaggiati con 6 carri armati Challenger 2 e 30 veicoli corazzati terrestri BvS 10 Viking
    • Nave da sbarco RFA Cardigan Bay (classe Bay) con a bordo:
      • 1 Battaglione da sbarco di 700 uomini equipaggiati con 24 carri armati Challenger 2
    • Cacciatorpediniere lanciamissili HMS Dauntless (classe Type 45)
    • Cacciatorpediniere lanciamissili HMS Duncan (classe Type 45)
    • Fregata lanciamissili HMS Richmond (classe Type 23)
    • Fregata lanciamissili HMS Portland (classe Type 23)
    • Fregata lanciamissili HMS Montrose (classe Type 23)
    • Sottomarino nucleare d'attacco HMS Artful (Classe Astute)
    • Nave rifornitrice RFA Wave Ruler (classe Wave)
  • 600px-Flag of Romania.svg Romania
    • Fregata lanciamissili Regele Ferdinand (classe Type 22)
  • Flag of Spain Spagna 
    • Portaerei (con capacità di assalto anfibio) Juan Carlos I con a bordo:
      • 10 cacciabombardieri AV8B Harrier II Plus
      • 2 elicotteri pesanti da trasporto CH-47 Chinook
      • 6 elicotteri medi NH-90
      • 1 battaglione da sbarco composto da 913 soldati equipaggiati con 29 carri armati Leopard 2 e 27 veicoli d'assalto anfibio AAV -7A
    • Nave d'assalto anfibia Castilla (classe Galicia) con a bordo:
      • 6 elicotteri medi NH-90
      • 1 battaglione da sbarco composto da 600 soldati equipaggiati con 17 carri armati M60A3 TTS e 19 veicoli anfibi d'assalto AAV-7A
    • Fregata lanciamissili Méndez Núñez, (classe Álvaro de Bazán)
    • Fregata lanciamissili Canarias (classe Santa Maria)
    • Nave rifornitrice Cantabria (classe Cantabria)
  • Flag of the United States.svg Stati Uniti
    • USS Mount Whitney (classe Blue Ridge) , nave comando e controllo della Sesta Flotta della US NAVY con a bordo:
      • 1 elicottero antisommergibile MH60S Knigth Hawk
    • Portaerei USS Truman (CVN-75), (classe Nimitz) con a bordo:
      • 36 cacciambombardieri F/A-18F Super Hornet
      • 10 cacciabombardieri F-18C Hornet
      • 4 cacciabombardieri EA-18 Growler
      • 4 aerei da sorveglianza E2-Hawkeye
      • 8 elicotteri antisottomarini HH-60H Seahawks
    • Portaerei USS Stennis (CVN-74), (classe Nimitz) con a bordo:
      • 36 cacciambombardieri F/A-18F Super Hornet
      • 12 cacciabombardieri F-18C Hornet
      • 6 cacciabombardieri EA-18 Growler
      • 6 aerei da sorveglianza E2-Hawkeye
      • 6 elicotteri antisottomarini HH-60H Seahawks
    • Portaelicotteri d'assalto anfibio USS Iwo Jima (LHD-7), (Classe Wasp) con a bordo:
      • 6 cacciabombardieri V/STOL F-35B Lightning II
      • 4 elicotteri d'attacco AH-1Z Viper
      • 6 convertiplani MV-22B Osprey
      • 4 elicotteri da trasporto CH-53E Super Stallion
      • 3 elicotteri medi UH-1Y Venom
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 1897 soldati equipaggiati con 5 carri armati M1 Abrams, 25 veicoli anfibi d'assalto AAV-7, e 8 pezzi d'artiglieria pesante M777 Howitzer
    • Portaelicotteri d'assalto anfibio USS Kearsage (LHD-3), (Classe Wasp) con a bordo:
      • 6 cacciabombardieri V/STOL F-35B Lightning II
      • 4 elicotteri d'attacco AH-1Z Viper
      • 6 convertiplani MV-22B Osprey
      • 4 elicotteri da trasporto CH-53E Super Stallion
      • 3 elicotteri medi UH-1Y Venom
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 1893 soldati equipaggiati con 5 carri armati M1 Abrams, 25 veicoli anfibi d'assalto AAV-7, e 8 pezzi d'artiglieria pesante M777 Howitzer
    • Portaelicotteri d'assalto anfibio USS Boxer (LHD-4), (Classe Wasp) con a bordo:
      • 6 cacciabombardieri V/STOL F-35B Lightning II
      • 4 elicotteri d'attacco AH-1Z Viper
      • 6 convertiplani MV-22B Osprey
      • 4 elicotteri da trasporto CH-53E Super Stallion
      • 3 elicotteri medi UH-1Y Venom
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 1894 soldati equipaggiati con 5 carri armati M1 Abrams, 25 veicoli anfibi d'assalto AAV-7, e 8 pezzi d'artiglieria pesante M777 Howitzer
    • Nave d'assalto anfibio USS San Antonio (classe San Antonio ) con a bordo:
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 699 uomini equipaggiati con 7 carri armati M1 Abrams e 14 veicoli d'assalto anfibio AAV-7
      • 5 convertiplani MV-22 Osprey
    • Nave d'assalto anfibio USS Portland (classe San Antonio ) con a bordo:
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 699 uomini equipaggiati con 7 carri armati M1 Abrams e 14 veicoli d'assalto anfibio AAV-7
    • Nave d'assalto anfibio USS New York (classe San Antonio ) con a bordo:
      • 1 Battaglione da sbarco composto da 699 uomini equipaggiati con 7 carri armati M1 Abrams e 14 veicoli d'assalto anfibio AAV-7
      • 5 convertiplani MV-22 Osprey
    • Incrociatore lanciamissili USS Port Royal (classe Ticonderoga)
    • Incrociatore lanciamissili USS Princeton (classe Ticonderoga)
    • Cacciatorpediniere lanciamissili USS Paul Hamilton (classe Arleigh Burke)
    • Cacciatorpediniere lanciamissili USS Russell (classe Arleigh Burke)
    • Cacciatorpediniere lanciamissili USS Hopper, (classe Arleigh Burke)
    • Cacciatorpediniere lanciamissili USS Donald Cook (classe Arleigh Burke)
    • Cacciatorpediniere lanciamissili USS Ross (classe Arleigh Burke)
    • Sottomarino nucleare d'attacco USS Wyoming (Classe Ohio)
    • Sottomarino nucleare d'attacco USS Providence (Classe Los Angeles)
    • Sottomarino nucleare d'attacco USS Scranton (Classe Los Angeles)
    • Nave rifornitrice USS Kanawha, (classe Henry J. Kaiser)
    • Nave rifornitrice USS Yukon (classe Henry J. Kaiser)
Forze navali di paesi della coalizione ONU non appartenenti alla NATO:
  • Flag of Morocco Marocco
    • Fregata lanciamissili Mohammed VI (classe Fremm)
    • Fregata lanciamissili Tarik Ben Ziyad (classe Sigma versione 10513)
    • Fregata leggera lanciamissili Hassan II (classe Floreal)
  • Flag of Sweden Svezia
    • Corvetta lanciamissili Helsinborg (classe Visby)

Flag of NATOFlotta Aerea NATO:

  • Flag of NATO NATO
    • 1 aereo AWACS E-3
  • Flag of Belgium Belgio
    • 6 cacciabombardieri F-16AM 15MLU operanti dalla base aerea di Murcia (Spagna).
  • Flag of Canada Canada  
    • 6 Cacciabombardieri CF-18 Hornet operanti dalla base aera di Trapani (Italia).
  • Flag of Denmark Danimarca  
    • 4 cacciabombardieri F-16, operanti dalla base aerea di Sigonella (Italia)
  • Flag of France Francia 
    • 18 cacciabombardieri Rafale, operanti dalla base aerea di Solenzara in Corsica (Francia).
    • 14 cacciabombardieri Mirage 2000-D operanti dalla base aerea di Solenzara in Corsica (Francia)
    • 10 caccia intercettori Mirage 2000-C operanti dalla base aerea di Solenzara in Corsica (Francia)
    • 2 aerei cisterna C135 operanti dalla base aera di Solenzara in Corsica (Francia)
    • 1 aereo AWACS E-3F operante dalla base aerea di Nizza (Francia)
  • Flag of Greece Grecia
    • 4 cacciabombardieri F-16 operanti dalla base aeronavale di Sigonella (Italia).
  • Flag of Italy Italia
    • 4 caccia intercettori Eurofighter 2000 Typhoon, operanti dalla base aerea di Trapani-Birgi (Italia).
    • 4 cacciabombardieri AMX Ghibli, operanti dalla base aerea di Trapani-Birgi (Italia)
    • 3 cacciabombardieri Tornado ECR operanti dalla base aerea di Trapani-Birgi (Italia).
    • 3 cacciabombardieri Tornado IDS operanti dalla base aerea di Trapani-Birgi (Italia).
    • 1 aereo cisterna KC 767/A per il rifornimento in volo, operante dalla base aerea di Decimomannu (Italia).
  • Flag of Norway Norvegia
    • 4 cacciabombardieri F-16AM operanti dalla base aerea di Sigonella (Italia)
  • Flag of the Netherlands Olanda  
    • 6 cacciabombardieri F-16, operanti dalla base aerea di Murcia (Spagna)
    • 1 aereo cisterna KC-10 Extender operante dalla base aerea di Murcia (Spagna)
  • 1280px-Flag of Poland.svg Polonia
    • 4 cacciabombardieri F-16 operanti dalla base aerea di Murcia (Spagna)
  • Flag of Portugal Portogallo
    • 4 cacciabombardieri F-16 operanti dalla base aerea di Murcia (Spagna)
  • Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito
    • 8 cacciabombardieri Tornado GR4A, operanti dalla base aerea di Albacete (Spagna)
    • 24 caccia multiruolo Eurofighter 2000 Typhoon operanti dalla base aerea di Badajoz (Spagna)
    • 2 aerei cisterna VC-10 per il rifornimento in volo, operanti dalla base aerea di Decimomannu (Italia)
  • Flag of Spain Spagna
    • 12 cacciabombardieri EF-18AM Hornet operanti dalla base aerea di Saragoza(Spagna)
    • 1 aereo cisterna Boeing 707-331B(KC) operante dalla base aerea di Moròn (Spagna)
  • Flag of the United States.svg Stati Uniti
    • 18 cacciabombardieri F-35A Lightning II operanti dalla base aerea di Aviano (Italia)
    • 15 caccia per superiorità aerea F-22 Raptor operanti dalla base aerea di Aviano (Italia)
    • 38 caccia intercettori F-15 Eagle operanti dalla base aerea di Aviano (Italia)
    • 44 cacciabombardieri F-15E Strike Eagle operanti dalla base aera di Aviano (Italia)
    • 56 cacciabombardieri F-16C Fighting Falcon operanti dalla base aerea di Aviano (Italia)
    • 34 cacciabombardieri A-10 Thunderbolt II operanti dalla base aerea di Sigonella (Italia)
    • 5 cannoniere volanti AC-130 Stinger II operanti dalla base aera di Sigonella (Italia)
    • 8 aeromobili d'attacco a pilotaggio remoto MQ-9 Reaper operanti dalla base aerea di Sigonella (Italia)
    • 1 aereo EC-130H per la  guerra elettronica operante dalla base aerea di Sigonella (Italia)
    • 4 aerei cisterna KC-135 per il rifornimento in volo, operanti dalla base aerea di Sigonella (Italia)
    • 4 aerei antisommergibili e per la sorveglianza marittima P-3C Update 3 operanti dalla base aeronavale di Sigonella (Italia).
    • 4 elicotteri HH-60 Pave Hawk per missioni combat search and rescue operanti dalla base aerea di Murcia (Spagna)
Forze aeree di paesi della coalizione ONU non appartenenti alla NATO:
  • Flag of Sweden Svezia
    • 5 caccia intercettori Jas-39 Gripen operanti dalla base aerea di Sigonella (Italia)
  • Flag of Jordan Giordania
    • 4 caccia F-16 operanti dalla base aerea di Sigonella (Italia)
  • Flag of the United Arab Emirates Emirati Arabi Uniti
    • 4 caccia F-16 operanti dalla base aerea di Sigonella (Italia)
  • Flag of Morocco Marocco
    • 8 cacciabombardieri F-16
    • 4 cacciabombardieri F-5 Tiger II
    • 4 caccia multiruolo Mirage F-1
  • Flag of Tunisia Tunisia
    • ​6 cacciabombardieri F5F Tiger II

2000px-Flag of Algeria.svgAlgeriaModifica

  • Forze Aeree
    • 58 caccia multiruolo Su-30 Flanker
    • 13 caccia intercettori Mig-25
    • 26 cacciabombardieri Su-24
    • 32 caccia intercettori Mig 29 Fulcrum
    • 18 cacciabombardieri Su-35
  • Flotta navale
    • 1 Portaelicotteri anfibia classe San Giorgio
    • 4 Fregate lanciamissili classe Meko A200
    • 6 Fregate lanciamissili classe C28-A
    • 3 Fregate lanciamissili classe Koni
    • 6 Corvette lanciamissili classe Steregushchiy
    • 4 Corvette lanciamissili classe Djebel Chenoua
    • 2 navi da sbarco classe Kalaat Beni Hammed
    • 4 Sottomarini classe Kilo