FANDOM


10 settembre 2003: Anna Lindh, ministro degli esteri del governo socialdemocratico di Svezia guidato da Goran Persson, viene uccisa da uno squilibrato, Mijailo Mijailović, mentre fa la spesa. Lindh, già ministro dell’ambiente dal ’94 al ’98, era considerata l’astro nascente del partito socialdemocratico svedese (SAP) e prima candidata alla successione a Persson nelle elezioni del 2006. Inoltre, era la principale sostenitrice dell’adesione della Svezia all’euro nel referendum che si sarebbe tenuto tre giorni dopo, il 14 settembre 2003. Alla sua morte entrambe le campagne per il referendum vennero cancellate; i no prevalsero di larga misura. Nelle elezioni del 2006 il SAP ripresentò come candidato Goran Persson. Il carattere auto-referenziale della sua leadership non gli permise di ascoltare le idee dissidenti all’interno del suo stesso partito. Le elezioni portarono al successo la coalizione pre-elettorale di destra, capitanata dai moderati di Peter Reinfeldt, che fecero campagna sul lavoro e la disoccupazione, temi tradizionalmente cari al SAP. Il SAP soffrì il peggior risultato di sempre, dovuto ad una campagna elettorale sbagliata, ad una leadership consunta e ad una mancata coalizione con gli altri partiti, la Sinistra ex-comunista e i Verdi.

.. e se ..

Il 10 settembre 2003 Anna Lindh viene trattenuta al telefono; arriva alla Nordiska Kompaniet 15 minuti più tardi, quando Mijailo Mijailović ha già ucciso una 35enne commercialista.
La campagna per il referendum sull’euro prosegue; il fronte del sì perde comunque, ma con un risultato meno netto.
Nel 2006, Anna Lindh rileva da Persson la leadership del SAP; visti i progressi unitari dell’Alleanza di destra, costruisce con Verdi e Sinistra una piattaforma programmatica comune in vista di un possibile governo di minoranza del SAP. Lindh controbatte a Reinfeldt proprio sul terreno del lavoro e della disoccupazione, sfruttando la sua grande popolarità mediatica.
Dalle elezioni la coalizione informale di sinistra esce vincitrice, e il SAP costruisce un governo di minoranza sorretto dall’appoggio di Verdi e Sinistra. La strategia politica di Anna Lindh prevede:
- dialogo con il partito di Centro, al fine di staccarlo dall’Alleanza di destra e consentire al SAP una sponda al centro del Parlamento
- “bastone e carota” con la Sinistra, per convincere il partito a tornare alle tradizionali posizioni riformiste a scapito dell’attuale leadership comunista massimalista, anche minacciando di formare un governo di coalizione con Verdi e Centro
- entro il 2010: costruire una coalizione formale con Verdi e Sinistra, i cui esponenti possano entrare nel governo

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale